Stai leggendo:

Blog

Scrivere sulla creatività
in un periodo che è dominato dalla ‘crisi’
significa sostenere
che in un periodo di gravi difficoltà
essere creativi non è una possibilità,
ma una necessità
Giorgio Cavallari,
psicanalista

Di Stanze, l’arte che cura
Creative Experience

Un laboratorio a numero chiuso.
Tre stanze visionarie
Psyche-rêver-ie con Marilena Pisciella
Corpo-performance con Mandra Stella Cerrone
Occhi-fotografia con Carlo Pettinelli
Per fare r-esistenza nei tempi bui della pandemia, per ritessere i propri sogni, identità e relazioni.
Per elaborare il perturbante sospeso tra emozioni, corpo, comunità e cosmo.
Per ri-contattare i propri processi creativi e di cura fuori dai luoghi e canoni della clinica formale.

Di Stanze è la preziosa eredità di un fertile laboratorio online condotto da Marilena Pisciella durante il primo lockdown da covid 19 ed esperito in un gruppo di 19 partecipanti e vincitore della Call for paper 2020 lanciata da Net.Fo per Ne.Mo, un magazine che ha come obiettivo di raccogliere e promuovere esperienze e progettualità incentrate sull’utilizzo della fotografia in ambito clinico, sociale e come strumento di ricerca personale.

www.mysticdriver.blogspot.com/2021/02/di-stanze-la-cura-dellarte.html

DreamPhotoLab

È un percorso individuale online (ma si può svolgere anche in presenza) in cui vengono mixati i linguaggi visivi di sogno e fotografia, ciò per potenziare il processo introspettivo-trasformativo,

Il materiale onirico e fotografico creati dal partecipante sono letti in chiave psicanalitica e secondo i metodi della fotografia artistica terapeutica.

È un contenitore che attraverso i linguaggi visivi, quali sogno e fotografia -apparentemente distanti ma potentemente in dialogo -mira a muovere l’inconscio verso direzioni non note al soggetto. (Psicanalisi e Fotografia, ricordiamo, nascono nello stesso contesto storico). Quasi certamente il viaggio intrapreso, attiverà una forza creativa che metterà al lavoro le tematiche presenti nello psichismo del soggetto e necessarie di essere viste. Non è una psicoterapia, ma può avere effetti curativi. L’ispirazione si rifà ai riti di incubazione dei sogni dell’antica Grecia presso i Templi dedicati ad Asclepio. Qui si recavano i pellegrini per mettersi in contatto con la divinità per riattivare quanto interrotto col proprio mondo interno.

L’idea nasce sulla scorta di una precedente e fortunata esperienza con metodologia di gruppo. Un laboratorio immaginale a distanza con 18 partecipanti. Un contenitore introspettivo creato d’istinto per elaborare i difficili vissuti ed emozioni generati dalla pandemia da Covid19 ed offerto come dono alla collettività, per attraversare lo spaesamento ed angosce del primo lockdown, per registrare e reggere i sogni archetipi dell’umanità che si sono mossi in risposta a tutto questo perturbante. Le stanze chiuse dalle quali ciascuno comunicava, attraverso la regia di Marilena, si chiudevano ed aprivano a ritmo alternato, come la mucosa del nostro occhio: ora aperto dentro i sogni, ora aperto fuori a catturare scatti fotografici nel mondo.

Di Stanze è il nome col quale il gruppo intende prossimamente restituire al mondo quanto vissuto nel potente lavoro di gruppo: il progetto è stato selezionato nella Call for Paper2020 della prestigiosa rivista Ne.Mo di fotografia sociale e terapeutica. E a breve diventerà anche una mostra.

Per maggiori info scarica la locandina

Scarica


Dott.ssa Marilena Pisciella

Psicologa Psicoterapeuta a Tavernerio COMO
Iscrizione Albo n. 4940
P.I. 02483560138
marips@alice.it

© 2019. «powered by Psicologi Italia». È severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it